Riser Project

Tutti bene o male conoscono eBay, è quel famoso sito di ecommerce. Tutti lo conoscono e moltissimi sono gli iscritti, per chi volesse avere una mano a conoscere meglio ebay e ad iscriversi questa guida fa al caso vostro. Aprire un account Ebay è molto semplice, basta inserire i vostri dati personali.

Creare un account Ebay vi permetterà di comprare e vendere qualsiasi cosa, anche se sulle vendite ci sono parecchie limitazioni specialmente per i nuovi utenti. La prima cosa da fare è andare su Ebay.it e cliccare in alto dove vedete scritto Registrati. Per creare un account Ebay avete bisogno necessariamente di un indirizzo di posta elettronica, nel caso non ne abbiate uno, vi consiglio di crearvelo, ci sono molti siti che vi forniscono una mail gratis.

Ora starete in una pagina dove vi sono richiesti diversi dati; innanzitutto il nome, cognome, indirizzo, città, CAP e numero di telefono. Inoltre Ebay necessita anche di un nome Id da attribuire all’account e questo dovrete inventarlo e controllare magari la disponibilità. Dovrete fornire anche una Password che digiterete due volte per conferma.

La registrazione continua con l’inserimento della data di nascita, è indispensabile avere 18 anni compiuti per iscriversi a Ebay,. Dovrete anche aggiungere una domanda segrete con annessa risposta che vi servirà nell’eventualità che perdeste la vostra password. Infine inserite il codice alfanumerico e procedete. Riceverete una mail all’indirizzo di posta elettronica da voi registrato. La mail vi occorrerà per rendere attivo l’account, basterà cliccare sul link che troverete al suo interno.

In caso di problemi è possibile contattare il servizio clienti eBay seguendo questa guida pubblicata su questo sito in cui è spiegata nel dettaglio la procedura.

Game Maker permette l’importazione di files esterni nei programmi che il suo linguaggio può creare, i vantaggi di importare tali files ci permettono di creare eseguibili leggeri e di pianificare meglio i nostri progetti aumentando le possibilità di espansione di giochi o programmi. In questa guida spiegherò come importare files audio sia mp3 che wav.

La guida si concentrerà nel creare un piccolo player musicale che permetterà di caricare in memoria un file audio e di avviarne la riporduzione. Prima di tutto devi pianificare per bene il progetto, quello che ti serve è uno sprite che faccia da interfaccia, quindi disegna, anche con il programma Paint di Windows, un rettangolo che farà da background al player musicale e in un altro file disegna un quadrato che fungerà da pulsante di caricamento musica e che chiameremo Load.

Dopo avere disegnato il rettangolo è necessario caricare lo sprite e il background, avvia quindi il programma Game Maker e clicca su sprites con il tasto destro del mouse, a seguire clicca su Create sprite, nella schermata successiva clicca su load sprite e carica lo sprite che si riferisce al tasto Load, fai la stessa cosa per l’immagine di background cliccando su background, create background, load background e concludendo l’operazione scegliendo l’immagine di sfondo rettangolare precedentemente disegnata.

Ora non ti resta che creare l’oggetto che chiameremo Loader. Clicca quindi su object e seleziona il add object. Nella schermata successiva abbina lo sprite che hai precedentemente creato al Loader, selezionandolo nella casella Sprite. Ora imposta l’evento Mouse left pressed e nell’area Actions Aggiungi questo script: fileaudio = file_find_first(“*.mp3″,”); while(fileaudio!= “) { snd=sound_add(fileaudio,1,false); file_find_close();} if file_exists(fileaudio){sound_play(snd);}

Con file_find_first() il programma inizia la ricerca esterna del file memorizzandolo nella variabile fileaudio, Con il ciclo while aggiungi al programma il suono, memorizzandolo nella variabile snd, chiudendo la ricerca con file_find_close, comando obbligatorio se non vuoi più cercare altro.

Con la condizione if si verifica se il precedente codice restituisce un file audio valido. Se questa condizione è verificata allora il programma avvierà il suono, altrimenti ci sarà silenzio. Questo esempio è stato realizzato per files mp3, se vuoi invece caricare files wav, è necessario sostituire a file_find_first(“*.mp3″,”) con file_find_first(“*.wav”,”). Crea quindi una nuova Room, aggiungi un Background regolandone le misure e aggiungi l’oggetto loader. Per concludere aggiungi un file mp3 o wav nella stessa cartella in cui è presente l’eseguibile e goditi la tua creazione avviando il programma.

FTP è un’alternativa a costosi server e un modo conveniente per condividere file con amici, familiari e colleghi. Invece di intasare le loro caselle di posta con messaggi, è possibile permettere ad altri di scaricare foto e documenti importanti a loro piacimento direttamente dal tuo computer, con on solo pochi semplici click. In questa guida, vedremo come configurare un server ftp su ambiente Mac Osx.

Per prima cosa, apri il pannello “Preferenze di Sistema” dal menu Apple e seleziona il menu Condivisione nella terza fila.Abilita la “Condivisione file” e fai clic sul pulsante “Opzioni”. A questo punto, abilita l’opzione “Condivisione file FTP” e prendi nota dell’indirizzo IP elencato di seguito.

Una volta effettuate le operazioni precedenti, puoi chiudere il pannello “Opzioni”, dunque, seleziona le cartelle sul tuo Mac che desideri condividere. Se Condividi un’intera cartella, in modo automatico, condividerà tutto il suo intero contenuto. Quindi, dopo aver selezionato i file (o cartelle) da condividere, bisogna informare agli altri utenti l’indirizzo IP precedentemente annotato.

A questo punto, gli altri utenti, sono in grado di connettersi al tuo server ftp, utilizzando un client ftp, per esempio Filezilla, che puoi trovare comodamente qui per vari sistemi operativi. Assicurati che il tuo Mac sia sempre acceso e in grado di ricevere connessioni se desideri abilitare l’accesso costante al tuo server ftp. Risulta essere possibile modificare questa impostazione in Energy Saver nel pannello delle preferenze di sistema per risparmiare energia lasciando il tuo Mac attivo e funzionante.

Forse non sai che è possibile personalizzare la tastiera del PC. Sebbene siano universalmente diffuse nel mondo dell’informatica, le tastiere possono rivelarsi per molti utenti sorprendentemente poco conosciute. Tuttavia, anche chi usa solo occasionalmente il computer sarà di certo ben felice di risparmiare tempo e fatica nella battitura di un documento.

A questo scopo Windows mette a disposizione degli utenti alcuni piccoli accorgimenti per personalizzare la tastiera e renderla più maneggevole e adatta alle loro esigenze. Nel pannello di controllo si trova l’icona tastiera: con un doppio clic su di essa si aprirà la finestra proprietà tastiera. La maggioranza delle opzioni riguarda la velocità, cioè la reattività alla pressione dei tasti.

Nella scheda velocità troverai i comando ritardo di ripetizione e velocità di ripetizione. Il primo si riferisce al tempo necessario perchè la pressione continuata di un tasto provochi la ripetizione del carattere corrispondente. Molte persone nel corso della scrittura mantengono i tasti involontariamente premuti più tempo del dovuto.

Il comando velocità di ripetizione regola invece la velocità con cui a tasto premuto, il carattere si visualizza sullo schermo. Converrà regolarla in modo opportuno, per evitare che la pressione di un tanto mantenuta per pochissimi secondi provochi un numero eccessivo di battute. Analogamente è possibile modificare la velocità dell’intermittenza del cursore.

Personalizzare il proprio computer è un’operazione non solo utile ma anche divertente. Utile perché ci permette di avere un computer su misura in base alle nostre preferenze, divertente perché passare in rete un po’ di tempo alla ricerca di sfondi e icone belle da utilizzare è sempre un piacere.

Con  Windows 7, le possibilità di personalizzazione sono ulteriormente aumentate, con questo infatti possiamo anche impostare il cambio automatico di sfondo, ogni determinato lasso di tempo, cosa fino ad oggi fattibile solo tramite utility esterne.

iconfolder

Una delle cose che maggiormente viene tralasciata è la personalizzazione delle cartelle, le classiche cartelle che ci permettono di archiviare i nostri file preferiti.

Come sappiamo infatti, le cartelle possono essere personalizzate cambiano l’icona associata, queste reperibili gratuitamente in rete.

Personalizzare la grafica delle cartelle ci permette di cambiare di molto l’aspetto generale del sistema, facendolo sembrare uno completamente differente.

Oggi vi presentiamo un utility funzionante con Windows Xp, che permette non solo si assegnare un tema alle cartelle, ma anche un determinato colore, così da associare ad ogni colore una determinata tipologia di file.

Il programma di cui parliamo è iColor Folder, e possiamo scaricarlo da questa pagina.

iColor Folder permette in modo semplice di cambiare colore alle nostre cartelle tramite un semplice click, infatti, una volta installato, una nuova funzione viene abilitata sul menu contestuale, cliccando con il tasto destro su una cartella potremo associare immediatamente uno dei colori disponibili.

Oltre al cambio di colore è anche possibile associare un tema, così da trasformare l’aspetto delle cartelle di Windows in quello del Mac, di Vista, ed altri temi, questi scaricabili dal sito stesso.