Il software che andiamo a presentare oggi si chiama GeeTeeDee, è gratuito e serve per gestire le attività (task management).
I software di questo genere, solitamente, tendono essere di due categorie: o complessi e farciti di opzioni, oppure semplici e ed essenziali. Lo strumento in questione appartiene alla seconda categoria.
Innanzitutto una curiosità: l’origine del nome GeeTeeDee deriva da GTD dall’inglese getting things done letteralmente “fare le cose”. Di fatto l’applicazione consta di una semplice to do list che supporta questa “metodologia” denominata appunto GTD che consiste nello scrivere cose da fare ed organizzarle in liste, gruppi o categorie.

GeeTeeDee permette infatti di creare gruppi e di inserire le proprie attività dentro questi gruppi semplicemente facendo “drag and drop” con il mouse, il tutto all’interno di un’elegante interfaccia grafica.

Risulta essere possibile impostare una data di scadenza dell’attività come anche spuntarla non appena conclusa.
La cosa che rende interessante questo software è proprio la semplicità con cui è organizzato

Di seguito una lista di quelli che secondo noi sono risultati i punti di forza del programma oltre alla semplicità di utilizzo
Poche complicazioni o distrazioni
Interfaccia elegante e stilosa
Facilità di gestione delle attività tramite il drag and drop
Gli elementi oltre la data di scadenza sono evidenziati in rosso
Risulta essere un software portabile, basta decomprimere l’archivio ed utilizzarlo

Molto interessante.

Molti hanno già sentito parlare di Scheda Madre, o Motherboard, ma non tutti conoscono cosa sia in realtà questo componente e quali siano soprattutto le sue funzioni all’interno di un computer. Andremo a scoprire quindi quali sono le funzioni della scheda madre e come scegliere quella più adatta al proprio computer.

In cosa coniste la scheda madre? Generalmente si definisce scheda madre il componente capace di gestire e collegare tutti i dispositivi fondamentali di un computer.Senza questa scheda il nostro pc non sarebbe in grado di raccogliere informazioni e gestirle attraverso i componenti a cui sono dedicate. Un componente fondamentale questo che contribuisce attivamente a rendere il computer più performante, al contrario ovviamente in caso di guasto oppure di danneggiamento parziale le prestazioni della macchina saranno fortemente ridimensionate.

Per conoscere quale scheda madre possiede il nostro computer e possibile smontare il case sul retro per guardare dal vivo quale modello è stato implementato oppure utilizzare alcuni programmi gratuiti che consentono di conoscere quale modello di Motherboard monta il computer. Ultima alternativa per conoscere il modello di scheda madre implementato sul pc è leggere il libretto in dotazione con il computer per controllare la scheda tecnica, a volte però non è presente questo dato quindi bisogna obbligatoriamente utilizzare una delle alternative.

Come riconoscere la scheda madre adatta? In molti casi gli utenti meno esperti scelgono la loro scheda madre nuova in base alle caratteristiche della stessa, in parte questo è giusto poiché bisogna tener conto di quanta memoria è pronta a gestire ma la variabile fondamentale per scegliere la motherboard resta la compatibilità con il processore in uso sul computer. La scheda madre viene costruita in base ad una particolare architettura selettiva, questo nella grande maggioranza dei casi permette di utilizzarla solo con processori Intel o AMD, mischiare gli accoppiamenti sarebbe solo un danno economico e fisico per il computer poiché la compatibilità è pari a zero.

In conclusione per scegliere una nuova scheda madre bisogna tener conto della marca di processore utilizzato dal computer, della potenza di cui è dotato il processore ed infine dei requisiti minimi garantiti per la gestione di tutti i componenti. Risulta ovvio che una scheda madre di vecchia non potrà essere adatta ai nuovissimi processori che girano a frequenze più veloci ed offrono prestazioni non supportate da questi componenti datati, il consiglio è quindi di verificare la compatibilità con tutti i requisiti del computer.

Sono davvero tanti gli utenti che, ai fini di una migliore e più rapida gestione del proprio OS, preferiscono fare uso di appositi strumenti mediante cui accedere in maniera immediata e semplificata a file, applicazioni e strumenti che vengono utilizzati più spesso.

Si tratta di quei tool molto particolari che prendono il nome di launcher, tanto pratici quanto di varia tipologia, ognuno dei quali più o meno adatto alle esigenze della vasta ed esigente utenza.

Voglio dunque proporvi oggi, un utile applicativo grazie al quale, nel giro di pochi click, sarà possibile gestire ed eliminare i collegamenti presenti sul nostro desktop, così da potervi accedere in maniera pratica ed immediata, senza dover perdere tempo a ricercare quanto occorre.

Lo strumento in questione prende il nome di FSL Launcher, il quale, in modo piuttosto intuitivo, permette di organizzare quanto presente sul desktop, andando ad inserire il tutto in un unico contenitore di rapido accesso ed offrendo la possibilità di suddividere i collegamenti in questione per categoria.

Si tratta di un programma completamente gratuito, disponibile anche in lingua italiana, ed utilizzabile esclusivamente su OS di casa Windows, il quale, una volta installato e impostato a dovere, risulterà facilmente accessibile,basterà cliccare in alto a sinistra dello schermo con il nostro mouse.

In sostanza, FSL Launcher costituisce un utilissimo software, altamente personalizzabile (sono infatti disponibili anche numerose skins da applicare), mediante cui sarà finalmente possibile ordinare il nostro bel desktop, organizzando il tutto in molteplici schede navigabili e di accesso immediato, il che costituisce una vera e propria fortuna per tutti i maniaci della praticità.

Quando in casa ci si ritrova ad avere a che are con un PC utilizzato da più persone o, molto più semplicemente, quando si opera da una postazione multimediale posta in luogo pubblico, i dati inseriti nel computer in questione potrebbero essere soggetti alla probabile visione da parte di utenti “poco discreti” implicando dunque la possibilità di mettere a repentaglio la propria privacy, in particolare quando si tratta di informazioni di una certa importanza.

Andando ancor più nello specifico, quando ad esempio viene creato un file di testo (ma anche un qualsiasi altro tipo di documento) e, successivamente, lo si elimina sfruttando il cestino posto di default negli OS di casa Windows, vi è la possibilità di recuperare facilmente tutto quanto cancellato sfruttando delle apposite tecniche.

Al fine di una maggiore sicurezza e onde evitare di incorrere in situazioni poco piacevoli, si potrebbe allora considerare l’idea di sfruttare un performante ed apposito strumento quale lo è Freeraser.

Si tratta infatti di un interessante programmino, completamente gratuito e tutto dedicato agli OS di casa Redmond che, in modo semplice ma, allo stesso tempo, sicuro, consente di eliminare definitivamente i file dal sistema senza lasciarne alcuna traccia.

Freeraser, di natura portable e dunque ancor più adatto ad essere trasportato direttamente su una chiavetta Usb, una volta eseguito mostrerà sul desktop in uso un apposito cestino, ovviamente differente da quanto già incluso nel sistema, mediante il quale sarà possibile eseguire l’operazione in questione in tutta tranquillità semplicemente trascinando su di esso i file da cancellare che spariranno dunque un maniera permanente.

Al fine di una maggiore sicurezza nelle operazioni eseguite, Freeraser integra inoltre tutta una serie di apposite opzioni mediante cui, nel giro di qualche click ed agendo direttamente dalla barra di sistema, sarà possibile impostare quello che sarà il meccanismo di cancellazione da sfruttare, per cui, a seconda delle diverse esigenze, potremo scegliere se eliminare definitivamente i dati in modo veloce, forzata o, in ultima analisi, completa.

Oltre a permettere di eseguire tutto quanto appena menzionato, Freeraser consentirà anche di modificare la dimensione dell’icona del cestino, impostare tutta una serie di avvisi, applicarvi eventuali trasparenze e molto altro ancora.

Il WiFi è sempre più utilizzato anche nelle rete casalinghe.
Il motivo è semplice, offre numerose vantaggi rispetto a una rete con cavi.

Doversi collegare tramite cavo non è sicuramente comodo e limita notevolmente la mobilità.
Inoltre una rete con cavo può anche comportare limitazioni relativamente al numero di dispositivi che possono essere collegati contemporanamente.
Bisogna poi considerare l’impossibilità di utilizzare gli smartphone, una necessità per quasi tutti.

La rete WiFi è quindi comoda, non è però raro che si presentino problemi di lentezza.
Cerchiamo quindi di capire cosa risulta essere possibile fare in situazioni di questo tipo.

Iniziamo dal consiglio più semplice, riavviare il router.
Questa semplice operazione permette i svuoltare la cache e spesso risolve problemi temporanei che causano lentezza.

Un altro elemento da considerare è il posizionamento del router WiFi.
Questo dovrebbe essere posizionato in modo che il segnale possa coprire tutto l’edificio.
Il consiglio è quindi quello di trovare una posizione centrale e verificare che il segnale non sia ostacolato da pareti.

In alcuni casi le interferenze di altri dispositivi, come i telefoni cordless, possono rappresentare un problema.
Bisogna quindi evitare di mettere il router WiFi vicino a dispositivi che possono interferire con il segnale.

Se il problema di lentezza continua, è possibile provare a cambiare il canale di trasmissione.
Per modificare questo parametro, è necessario collegarsi al pannello di controllo del proprio router e individuare la relativa opzione.
Cambiare canale può essere utile se ci si trova in una zona in cui sono presenti molti router WiFi.
Questi possono infatti utilizzare tutti lo stesso canale, con conseguenti interferenze.

Se neanche in questo modo è possibile migliorare le prestazioni, è consigliabile pensare a un ripetitore WiFi.
Si tratta di dispositivi che permettono di estendere la propria rete e di raggiungere quindi quelle zone in cui il segnale è debole.
Relativamente alle caratteristiche dei vari modelli è possibile fare riferimento a questo sito sui ripetitori WiFi.
Il funzionamento è comunque piuttosto semplice, il ripetitore WiFi riceve il segnale dal router e lo replica, aumentando quindi la copertura.